"Alla fine si scrive anche per questo: abbracciare e animare l’invisibile per rendere più sopportabile l’esistente."

Ritrovarsi nella cassa dei giocattoli

Per un dolore improvviso all’anima, dovuto al contatto con gli spettri della paura, gli fu prescritto l’isolamento fiduciario della parte migliore di sé. Per un periodo restò a vivere esternamente con la parte più...

Mandato di cattura per chi sta bene

0
In fila per la terza dose nel distanziamento immaginario dell’hub vaccinale della Mostra d’Oltremare, mi chiedevo giorni fa, in un ventaccio da bronchite, fissando l’agguato del cielo febbrile alla Torre delle Nazioni, tale e...

Manfredi, il sindaco mendicante

0
Ci saremmo aspettati dal freschissimo primo cittadino di Napoli, da sempre ai vertici di un'élite egemonica abile nell’esercitare il dominio in modalità sottotraccia, un inizio di sindacatura da rettore del fare più che da...

Le ragioni dell’esitante

0
Quasi una vita ci mise a seppellire le ragioni dell’esitante. Al finestrone di una casa non sua, tramortito per un’altra giornata dispersa, radunò giorni andati dove la titubanza aveva governato ogni sua decisione e...

L’Italia dove ancora si posano i sogni

4
Questo è un articolo patriottico, sconsigliato ai chierici dell’equilibrio, ai maniaci del bilancino. Dio stramaledica gli inglesi, i severgnini e chi in questi giorni ci ha ammorbato con il loro fair play. Visti i...

Contro la dittatura dell’algoritmo

2
Esistono libri che seguono sentieri sotterranei, girano alla larga dal clamore o, come avrebbe detto Carmelo Bene, dal «rumore di latrine». Esistono libri non immediati perché aprono vie alternative col tempo, moltiplicano punti di...

La linea delle lucciole

0
Fu mandato nel bosco a ricostruire la linea delle lucciole. Chi lo scelse non guardò stelle e stelloni del curriculum né chiese l’elenco dei trofei e l’agenda dei contatti, ma volle soltanto sapere quanto...

Leviamoci di dosso questa morte

0
Così invasivo e mediatico, il pandemonio della pandemia ha elevato a supremo manico il senso di morte. Se non ce lo leviamo di dosso, crepiamo prima. Un passaggio rapido, l’altra sera, nel gallinaio dei...

Questa partita che non finisce

2
Dopo un anno di pandemia, con la nuova edizione della zona rossa e lo scellerato promo a reti unificate del conteggio dei centomila morti “per covid” nel Paese dei Ricciardi e dell’idolatria dell’indegno, c’è...

Il governo del Già C’è

4
Serve un governo bono (premier Can Yaman), serve un governo di fuoco (premier Mario Draghi), serve un governo costruttore (premier Clemente Mastella), serve un governo di capre (premier Vittorio Sgarbi), serve un governo di...

Fuori c’è il mondo

1
Fuori c’è il mondo. Ci sono grembi di stelle e sogni che inventano sguardi, ci sono fiori puntati sulle tempie e nuvole che scartano cieli, ci sono sentieri di favole e corse di bambini,...

Lo chiamavano Oltre

0
Ci tocca andare oltre in quei giorni in cui il buio afferra colli, l’affanno dell’attesa copre la libertà del respiro e un sogno in manutenzione non ne vuole sapere di ripararsi. Ci tocca andare...

Hola Diego (Ode pop a Maradona)

0
Pubblico il testo integrale di Hola Diego, l'ode pop a Diego Armando Maradona, finito in un altro campo di gioco a 60 anni per "arresto cardiarespiratorio" come dicono i media. Hola Diego è stata...

Hanno ucciso l’arcobaleno

0
Neanche il virus con la corona era riuscito nell’impresa. A farcela brillantemente sono stati gli sciagurati che ci governano col tik tok dei dpcm, il rullo delle ordinanze, il protocollo delle dirette social, la...

Punteggiatura in quarantena

0
È di queste ore la notizia che, dopo l’eliminazione delle vocali e dei periodi brevi, il governo sta studiando un dpcm che limiti l’utilizzo dei segni d’interpunzione. Il provvedimento, tengono a sottolineare dal Comitato...

Noi cavie senza più agorà

4
Sono sette mesi che siamo entrati nel reality Il Grande Covid. E ci siamo talmente dentro che abbiamo rinunciato alla democrazia. Una bella pietra sopra al ragionamento, al produttivo scontro tra idee, alla nobile...

Quando i poeti ritornano in città

0
Il Bar dei Giuramenti è quel gazebo in fondo al mare, sospeso su una nuvola, con i tavolini avoriati che sembrano chierichetti festanti dopo il mistero della fede. Ha come tetto un colabrodo rovesciato...

A proposito di Max

Sono Max De Francesco, puoi chiamarmi anche Massi. Scrittore, giornalista, editore, bardo. Raccomandato dalle idee, recupero sogni e mi difendo creando. Non ho mai smesso di prendere lezioni di atterraggio.

Seguimi sui social

Un giro di bardo

Le rubriche