HomeLettureNa cammenata pe' mme

Na cammenata pe’ mme

Pubblico per la prima volta “Na cammenata pe’ mme”, testo scritto in una di queste notti di reclusione a causa del virus con la corona. Avevo l’esigenza di “fermare” un immaginario dialogo a distanza tra un uomo spaesato in una Napoli “vacante e annaccuvata” e il nipote, responsabilmente a casa per “chesta guerra ce vo’ luntani”. Questa è la mia “preghiera piccerella” per la mia città grandissima, costretta ancora una volta a subire attacchi gratuiti e sputi pregiudiziali da parte di chi ha la convinzione di comprenderla, pur non conoscendo un granello della sua spettacolare cultura.

“Na cammenata pe’ mme” è stata pensata e creata in lingua napoletana che possiede il genio della sintesi, la musicalità del mare, la cadenza di un popolo che è nato all’aperto e, quindi, soffre maggiormente l’imposizione del chiuso. Idioma dalle infinite soluzioni, regolato (e sregolato) da un formulario magico di parole solenni come le pietre antiche, suoni ambulanti, sillabari carnali, segnaletica di meraviglie e disincanti. Pur rifacendomi alla grafia vivianesca, chiedo scusa ai puristi del vernacolo partenopeo se ho commesso errori nella scrittura: spero che anche qualche sbaglio possa essere diventato emozione.

Per rendere il testo fruibile anche a chi non è un lettore “forte”, ho pensato di creare un video in cui le parole scivolano su un tappeto di foto e immagini della Napoli in quarantena. Video che ho potuto realizzare grazie al materiale fornitomi dal giornalista Silvio Campione e dai filmmakers Tony Baldini e Ignazio Soriano.

NA CAMMENATA PE’ MME (di Max De Francesco)

Ma… Ma ch’è stato, ch’è succiesso?

Mo so’ asciuto e nun ce sta niciuno,

Napoli ma addò stai, manco nu bar apierto

nu sciore ’e femmena, nu cuncierto,

nu ciardino cca voce ‘e nu criaturo.

Ma ch’è stu silenzio, addò state tutti quanti?

Che modo ’e sfottere è chisto,

ascite a fore! Addò site fuiuti?

 

Stamma ’a casa, o zì, ma nun ’o sai?

Comme ’e carcerate, che i dienti strignuti,

pure se n’amma accis’ a nisciuno. Campamm’ da juorni reclusi

per il bene della Nazione, ’nchiummati ’ngopp’ ’a nu balcone.

Magnammo, cuntammo riebbiti, jucammo a scopa,

ce spartimmo l’ammore, sperammo n’ata vota e pazzia’ cu l’onna,

sbariammo ca ’a televisione addò na vranga ’e scienziati

’ntroppeca ca lengua mentre l’Italia affonna.

O zì, ma addò vivi? Nun sai ca sta lota ’e virus

che s’atteggia ca curona, nun tene manco ’e palle ’e ce guarda’,

te trase dinto cumm’ ’a nu mariuolo

s’arrobba ’a vita e nun te fa cchiù respira’.

E nui stamma ccà, chesta guerra ce vo’ luntani,

assettati dint’ ’a cucina senza pute’ spara’,

arrevutammo pensieri dint’ ’o lietto, ci abbuffamm’ ’e dimani

pure ’o saluto è fuorilegge pe’ ce pute’ salva’.

Nun saccio cumm fanno l’ati, però pe’ nui

’a detenzione e cchiù dura, pecché simmo nati all’apierto,

’o core dint’ ’o sole, ’a vocca che sape ’e mare, ’e piedi ca vanno

sempe fujenne, pur se nun vanno a nisciuna parte.

Cumme simmo bravi a sta’ dinta ’sti quatto mura

senza cchiù suonno, vasi e nu muorzo ’e libertà. Pe’ carità,

ce sta sempe ’o strunzo che sputa ’nfaccia ’a città, ma Napoli,

chella vera, chella ’e sustanza, sta cuieta e sape aspetta’,

comme ’o guaglione ca rispetta ’e viecchi e nun se scurdat’ ’e sugna’.

Quanti ccose voglio fa’, o zì, quanno me n’esco a ccà!

M’aggia piglia cchiù vita ’e primma, aggia brinda’ a nu munno nuovo

voglio turna’ a prega’ dint’ ’a na chiesa, voglio fatica’ e balla’ notte e juorno

voglio fa’ co ccosa ’e bbuono prima che ’a rota se ferma.

E po’ voglio abbraccia’ e mierici nuosti, ’e surdati d’ ’e corsie,

quanti ne so’ caduti cumme ’e stelle d’aùsto, dint’ ’a nu turmiento ’e speranze

stanno cumbatenn’ ’a guerra cchiù dolorosa, senza s’arrepusa’,

pe’ vede’ nu malato ca se culora n’ata vota ’e rosa.

 

Mo… Mo aggio capito. Aggio capito tutte ccose.

’O silenzio, ’e ciardini senza criature, ’o core ’e Napoli che s’è annaccuvato.

Vabbuò, era ’a campana mia, perciò me sento leggiero leggiero,

e guardo ’a città vacante, ianco comme ’a luna, ‘ngopp’ ’a ’sta balcunata ’e cielo.

All’intrasatta, me ne so iuto dint’a nu ciato pe’ ’a pandemia,

’o spitale manco muglierem’ aggi visto pe’ l’ultima raccumandazione.

Manco nu vaso, na stretta ’e core primma ’e lascia’ ’sta ammuina.

Te pozzo chiedere, allora, na cortesia,

na preghiera piccerella cumma ’a vita mia:

quanno tutto stu male è fernuto e puo’ mettere ’a capa fore,

te puo’ fa na camminata pe’ mme? Me ne basta una! Una sola!

 Tuoccom’ ’o mare carnale ’e Mergellina,

pigliate nu cafè ’o primmo bar che truovi pa via,

porta na curona ’e sciore ’a Maronna e Piedigrotta

salutame e bastimenti ca partene d’ ’a Marina

nun te scurda’ e cammina’ mmiezzo ’a ggente,

chianu chiano, ca faccia ’o sole

e rrecchie appizzate p’ogni rummore,

na rumba ’e fantasia ‘ngopp’ ’a nu scoglio,

nun me dicir’ niente, ma ienno ienno dint’ ’o vico

magnatella na pizza a portafoglio.

E se te resta na ’nticchia ’e tiempo, fammelo n’atu regalo:

puos’ na cosa e sordi dint’ ’a mano antica

d’ ’o mandulinista ’e Santa Lucia.

Dincelle che è nu pensiero ’e Sasa d’’a Ferrovia,

cca mo è nu bello aucielluzzo dint’ ’o viento

che nun tene cchiù paura ’e niente.

© Max De Francesco, 2020 – Tutti i diritti riservati

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Se ti va condividi

Post recenti

I miei libri

distratto il sogno passò

distratto il sogno passò

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi Passanti

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi passanti

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi passanti