HomeLettureHola Diego (Ode pop a Maradona)

Hola Diego (Ode pop a Maradona)

Pubblico il testo integrale di Hola Diego, l’ode pop a Diego Armando Maradona, finito in un altro campo di gioco a 60 anni per “arresto cardiarespiratorio” come dicono i media. Hola Diego è stata scritta di notte, mentre guardavo il film di Kusturica dedicato al mito argentino con quel finale che “cummanna ‘o core” quando Manu Chao canta per strada, con Maradona che guarda incantato, la canzone La Vida Tòmbola.

Ode in lingua napoletana perché non è solo un canto dedicato all’ “ultimo re di Napoli”, come è stato detto in questi giorni di dolore e spaesamento, ma soprattutto è una carezza alla città che non ha mai smesso di amarlo e osannarlo. Per diffondere meglio Hola Diego ho prodotto una videopoesia. I miti si raccontano, non si discutono.

HOLA DIEGO (Ode pop a Maradona) – 28 novembre 2020

Hola Diego, ’a nuttata nun passa, hai voglia e ffa,

Napule palleggia cu nu dulore ca non si pò capi’

e nun tene scuorno ‘e sta fame ‘e chiànti senza età,

n’ata vota ferita a morte e n’ata vota s’adda sceta’.

E se sceta, ogni matina, p’ ’a campata e non p’ ’a gloria,

pe’ chella ci stive tu, ca levavi ‘e paccheri da faccia,

doppo na semmana ‘e muorzi e male panza,

cu na finta ca ‘ncatastava ‘a realtà arresecata, na scialata ‘e speranza.

Hola Diego, dimani, ‘o sapimmo bbuono, sarrà ‘a vita ‘e sempe

na iucata ‘e tombola ca sciorta che scummiglia ’e cartelle.

E mmiezo a sta paranza ’e numeri, Napule

se stuta e s’appiccia, fraveca e sfraveca, s’ ’ntosseca e s’arrevota,

e quanno sente l’anema ‘nterra, spanne na salvezza,

nu numero astipato, ‘o dieci, che all’intrasatta ‘a fa arripiglia’

pecché è n’ammore ‘e maggio che nun è mai fernuto,

‘a voce e na mamma che s’è iuta arrepusa’.

Hola Diego, ti si pigliato ’a nuvola do Padreterno

ca t’ha strignuto pure ’a mano, ’o sole è nu pallone,

e cumpagne s’ ’mparano a pazzia’ cu ‘o viento,

’o ciel ’e Margellina è l’area ‘e rigore,

’o Vesuvio fa a porta e nui ’e spettatori.

Hola Diego, nun pò mai ferni’ n’ommo ‘e ddio

nu poeta ca cummanava ‘o core,

ca pe’ sinistro teneva nu sciore

dint ’e capilli l’oro d’ ’e scugnizzi

E dint ’a ll’uocchie na guerra ’e culori.

Hola Diego, vaco a fatica’,

cchiù sulo ’e primma

ma cchiù napulitano ’e ieri.

 

©maxdefrancesco | tutti i diritti riservati

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Se ti va condividi

Post recenti

I miei libri

distratto il sogno passò

distratto il sogno passò

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi Passanti

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi passanti

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi passanti