Home Un giro di bardo Il sole contro il tempo burocratico

Il sole contro il tempo burocratico

Quella mattina il sole virò in un sentiero mai battuto prima. Nonostante le braccia lunghe, la vista senza confini e una simpatia onnipresente, l’abitudine a sedersi in quel posto fisso nel cielo e a percorrere indisturbato il solito corridoio gli sconsigliò cambi d’itinerario. Fino a quando, svegliatosi scontroso dopo un sogno lunatico, deciso a smontare la scaletta delle priorità celesti, lasciò la scrivania di nuvole e sparì tra le begonie. Due giorni dopo fu ritrovato con i raggi pieni di spine per la caduta in un roseto tentatore e il sorriso sporco dei baci di un’ombra d’ulivo che, da un secolo, aspettava un evento così particolare e un fuoco tale da risvegliarne l’infreddolita speranza. Anche per il sole valse la legge suprema e mortale che è sempre un improvviso incendio di passioni a uccidere il tempo burocratico.

Iscriviti
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Se ti va condividi

Post recenti

I miei libri

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi Passanti

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi passanti

Tropico della spigola

Un giro di bardo

Tornasole

Stupidi passanti